Share to Facebook Share to Linkedin Share to Google 

GIRONE ROTTERDAM: IL RIMINI VUOLE COMPIERE L'IMPRESA

Inizia nella giornata di martedì 2 giugno l'avventura del Rimini Baseball in Coppa Campioni. I Pirati, sorteggiati nel girone di Rotterdam, hanno deciso di convocare come giocatori stranieri Candelario, Moreno e Olmedo, lasciando così a casa Romero. Per raggiungere la finalissima di agosto contro la vincente dell'altro ragguppamento, gli uomini allenati dal manager Munoz devono avere la meglio delle seguenti squadre:

- Curaçao Neptunus (Olanda): i padroni di casa vogliono tornare a giocare una finale europea e partono con i favori del pronostico. L'attacco batte .320 di media con molti giocatori sopra quota .300 come Daantji e Kemp, mentre il monte di lancio viaggia ad una media PGL di 1.69. 2 dei lanciatori partenti saranno le stelle Van Den Branden e Markwell.

- Heidenheim Heidekopfe (Germania): la squadra allenata da Mike Hartley, ex manager del Grosseto nel 2012 e ora pitching coach della nazionale olandese, può ritagliarsi un ruolo importante in virtù di un roster di primo livello. Il monte di lancio garantisce qualità con Sommer (americano naturalizzato tedesco) e Tyler Lockwood, mentre in attacco James McOwen e Jay Pecci sono i trascinatori a suon di valide e punti battuti a casa.

- Draci Brno (Repubblica Ceca): difficile che Hajtmar e compagni possano vincere il girone per via della scarsa profondità sul monte di lancio, ma potranno comunque togliersi le loro soddisfazioni. Occhi puntati sul lanciatore Minarik e sul battitore Schneider, tra i migliori del proprio campionato.

- Senart Templiers (Francia): i transalpini sono al momento secondi nel proprio campionato e hanno nel battitore Fred Hanvi il giocatore più pericoloso.

- KNTU Elizavetgrad (Ucraina): l'obiettivo del team dell'Est Europa è quello di evitare l'ultimo posto del gruppo e quindi di cercare di ottenere perlomeno una vittoria, così come accaduto lo scorso anno.

Per conoscere il calendario completo del girone di Rotterdam, cliccate QUI.

di Daniele Mattioli

Informazioni aggiuntive