Share to Facebook Share to Linkedin Share to Google 

CONTRO QUASI TUTTI I PRONOSTICI, I CLEVELAND INDIANS VOGLIONO COMPLETARE L'IMPRESA

Martedì 25 Ottobre, alle ore 2.00 in Italia, inizieranno le World Series 2016 tra i Chicago Cubs ed i Cleveland Indians. Se i primi erano già dati tra i favoriti per la corsa al titolo in Pre-Season, i secondi sono la vera cenerentola di questa stagione.

Secondo i bookmakers e gli esperti, l’American League Central, doveva essere una questione a 2 tra Detroit, visto l’importante mercato invernale, ed i campioni in carica dei Kansas City Royals. invece, il titolo è andato proprio a Cleveland, un team composto non da super star ma dai classici ‘’giocatori operai’’, non fenomeni ma giocatori al servizio del team, capaci di contribuire in ogni modo fino al raggiungimento della finalissima, sbaragliando squadre sulla carta ben più attrezzate come Red Sox e Blue Jays.

Le avversità non sono mancate agli uomini di Francona. Ad inizio stagione, un infortunio alla spalla, ha limitato la stagione di Michael Brantley, l’esterno più talentuoso degli Indians, a soli 39 turni in battuta mentre il 17 Settembre, quindi in piena corsa per centrare la Post Season, si è infortunato il partente Carrasco, autore fino a quel momento di una stagione positiva. Nonostante tutto, gli uomini di Francona, sono riusciti a sopperire alle singole assenze con il gioco di squadra, ad esempio dopo l’infortunio di Carrasco, i rilievi degli Indians hanno tenuto a 0 gli attacchi avversari per 10 inning consecutivi aiutando cosi la squadra a centrare il primo posto nel girone e l’approdo ai playoff.

Anche con il titolo di campioni dell’American League Central, Cleveland aveva tutti i pronostici contro sia al primo turno contro Ortiz e compagni che in finale di Division contro Toronto, ma sempre con la stessa mentalità del lavoro di squadra sono riusciti a fermare due degli attacchi più forti di tutta la MLB.

Ora in finale li aspettano i Cubs, probabilmente la squadra più completa di tutta la Major e con i pronostici a favori, ma Kipnis, seconda base degli Indians, non ha dubbi, meglio giocare con i pronostici contro come è successo fino ad oggi, cosi da poter scendere in campo e giocare a baseball senza pensieri ed ansie.

Che sia questa l’arma segreta dei ragazzi di Francona? Non ci resta che goderci le World Series e vedere come andranno a finire.

di Mirco Monda


Nella foto, la gioia degli Indians dopo l'ultimo out dell'American League (Reuters - WSJ.com).

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Informazioni aggiuntive