Share to Facebook Share to Linkedin Share to Google 

LA FORTITUDO BOLOGNA E' ANCORA DI PIU' NELLA STORIA: QUATTORDICESIMO ANNO DI FILA AI PLAYOFF

Con la vittoria ottenuta questa sera davanti al pubblico amico del Gianni Falchi contro il Nettuno2, la Fortitudo Bologna ha raggiunto il matematico accesso alla Post Season per la quattordecisma stagione consecutiva, mettendo ancor di più in risalto il record di qualificazioni di fila ai Playoff, che dal 1986 sono presenti nel massimo campionato italiano.

La squadra allenata dal Manager Marco Nanni ha infatti allungato ulteriormente la coppia composta da Parma e Nettuno che avevano raggiunto la Post Season per dieci anni di fila (dal 1991 al 2000 i ducali, dal 1993 al 2002 i laziali).

Tutto è partito nell'annata 2001, con l'eliminazione in cinque partite in semifinale contro il Nettuno. Sempre la squadra laziale è stata l'avversaria in semifinale l'anno successivo con annessa nuova uscita, mentre nel 2003 la Fortitudo è ritornata in Finale Scudetto e ha sconfitto il Modena dopo 5 partite, riportando il Titolo sotto le Due Torri.

L'anno seguente è arrivata la Finale Scudetto persa contro il BBC Grosseto dopo 6 gare, ma l'appuntamento con il tricolore era stato rinviato di una sola annata. Dopo sette spettacolari incontri e davanti ad uno stadio Gianni Falchi gremito in ogni ordine di posto, Bologna riuscì a sconfiggere San Marino, vincendo lo Scudetto numero 7 della sua storia.

Nelle successive stagioni, il percorso della Fortitudo si è sempre interrotto in semfinale, compresa la prima annata con in vigore la semifinale a forma di girone all'italiana - Round Robin - nel 2008. La stagione seguente ecco giungere, invece, il 9 Campionato italiano dopo la vittoria in Finale ancora una volta contro il San Marino.

Nelle ultime 4 stagioni sono arrivate un accesso in Finale, quella persa del 2010 contro Parma, e 3 passaggi in semifinali con la formula del Round Robin e nel 2013 con la classica semifinale scudetto.

di Daniele Mattioli


Nella foto, la gioia della Fortitudo versione 2014 dopo una vittoria (@LorenzoBellocchio/Grandeslam.net).

Informazioni aggiuntive