Share to Facebook Share to Linkedin Share to Google 

PER TENTARE L'IMPRESA CONTRO SAN MARINO, LA FORTITUDO BOLOGNA DEVE CERCARE DI...

Dopo aver vinto la Regular Season al termine di una splendida cavalcata, la Fortitudo Bologna ha affrontato i primi due trittici del Round Robin – o Girone di Semifinale – subendo quattro sconfitte in sei gare e allontandosi dalla possibilità di disputare la Finale per lo Scudetto.

La compagine allenata dal Manager Marco Nanni, dopo il KO di sabato sera contro il Rimini, non è infatti più artefice del proprio destino. O almeno lo è, ma solamente in parte.

L'Unipol deve cercare di realizzare una tripletta contro il San Marino e sperare che Nettuno vinca la serie contro Rimini. Oltre alla tripletta, la squadra felsinea può ambire anche alla doppietta sul San Marino, a patto che la Caffè Danesi vinca tre partite contro il Rimini.Nel caso fosse Rimini a realizzare la tripletta sul Nettuno, Bologna dovrà vincere tre partite contro il San Marino per ottenere il pass per la Finale.

Intricato sarebbe, invece, il caso che vedrebbe Bologna vincitrice della serie con San Marino e Nettuno autore della doppietta sui Pirati romagnoli. In questo caso ci sarebbero tre squadre con quattro vittorie (Bologna, Rimini e San Marino) con ognuno dei tre team vincitore di uno scontro diretto. In questo caso a qualificarsi per la Finale sarebbe la squadra che ha subito il minor numero di punti negli incontri tra le compagini in questione, diviso il numero di riprese giocate in difesa.

Per cercare l'incredibile impresa, la Fortitudo dovrà però fare alcuni aggiustamenti in vista delle prossime tre sfide. Primo tra tutti cercare di essere più cinica con gli uomini sulle basi – 59 quelli lasciati al momento, numero più alto tra le quattro squadre con San Marino seconda a 51 – e soprattutto saper gestire meglio il vantaggio che si è saputa creare ad inizio gara.

Nelle sei partite disputate, Bologna è sempre passata per prima a condurre e si è fatta sempre rimontare in ogni partita, sapendo poi reagire solamente in gara due contro Nettuno – successo per 11 a 7 – e mercoledì scorso contro Rimini nella vittoria agli extrainning. Per il resto sono arrivate solo sconfitte, alcune nelle ultime riprese di gioco come all'esordio di Poule Scudetto allo Steno Borghese dove dal momentaneo vantaggio di 2 a 0, Bologna ha perso 3 a 2 al nono inning, passando ai due punti vincenti del team laziale sabato sera nella sconfitta 6 a 3, fino a quello di qualche giorno fa contro il Rimini che ha segnato quattro punti all'ottavo per il clamoroso sorpasso decisivo. Senza dimenticare, inoltre, il KO di venerdì sera sempre contro Rimini, capace di rimontare lo svantaggio iniziale e di dilagare fino al 7 a 3 finale.

La Fortitudo deve ripartire da qui. Dal sapere gestire al meglio i vantaggi – Bologna è la squadra che segna più punti nelle prime tre riprese di gioco – e poi di concrentizzare al meglio le occasioni successive in fase d'attacco. Solo in questo modo la tripletta contro il San Marino non sarà una missione impossibile. Con la speranza che arrivino buone notizie dalla sfida tra Nettuno e Rimini...

di Daniele Mattioli

Nella foto, Castelitto eliminato a casa da Angrisano durante gara due della sfida tra Rimini e Bologna (Ferrini per Fibs.it).


Diventa Fan del sito Grandeslam.net su Facebook e Twitter!!

css css

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Informazioni aggiuntive