Share to Facebook Share to Linkedin Share to Google 

UNA GIORNATA ALLA SCOPERTA DELL'ACCADEMIA DEL BASEBALL DI TIRRENIA

Non è da tutti poter passare qualche giorno nella tanto famosa ed agognata Accademia di baseball di Tirrenia. Ludovico e Mattia, batteria dei cadetti del Ravenna Baseball, sono in questo momento ospiti del Centro Federale di preparazione olimpica del Coni dove passeranno quattro giorni di allenamenti mattutini e pomeridiani. Ovviamente Grandeslam.net ne ha approfittato per vedere e raccontare come si vive in questo centro tanto misterioso ma fondamentale per lo sviluppo del baseball italiano.

Ad accoglierci troviamo Marinella Mojoli, coordinatrice dell’accademia Fibs, e la tutor scolastica Isabella Tamburini. Entrambe mettono subito a loro agio i due ragazzi, un po’ emozionati, e cominciano a spiegarci la vita da accademia. Sveglia, colazione e alle 7.20 sono già sul pulmino che li accompagnerà alle fermate dell’autobus per le varie scuole. Finita la mattinata scolastica si ritorna in accademia per il pranzo, tempo libero per i compiti fino alle 15.30, orario in cui i ragazzi si trovano per l’allenamento pomeridiano, seguito dalla cena e ancora tempo libero, spesso utilizzato per studiare. Due giorni alla settimana la sveglia arriva molto presto: ore 5.45 tutti pronti in campo per l’allenamento “mattutino”.

I ragazzi sono seguiti costantemente in ogni aspetto della loro vita: dalla scuola all’allenamento, dai problemi familiari a quelli amorosi. Ma, come loro stessi dicono, sono lì per giocare a baseball. Per cui tutte le difficoltà che ogni adolescente vive passano in secondo piano perché c’è sempre la determinazione e la consapevolezza di vivere un sogno e di essere, in un certo senso, dei privilegiati. “Siamo come una grande famiglia”, ci spiega Marinella. “Siamo sempre accanto ai ragazzi, senza però sostituirci ai genitori. Per uscire dall’impianto devono avere il nostro permesso ma anche quello del padre e della madre a casa. Anche loro devono sapere dove si trovano i loro figli”. Marinella parla con grande orgoglio dei ragazzi, il fiore all’occhiello di tutta l’organizzazione. “Ci danno sempre grandi soddisfazioni. Sono dei ragazzi bravissimi, anche se ogni tanto combinano qualche marachella”. E molto orgoglioso è ovviamente il presidente della Fibs Riccardo Fraccari. L’accademia di baseball è il suo “gioiellino”: è stato il primo a chiedere di utilizzare gli spazi del centro Coni per avere un luogo in cui far crescere i migliori prospetti ed è stato poco dopo seguito anche dalle federazioni del rugby e del tennis.

Per quanto riguarda le strutture ci sono a disposizione un campo da softball, uno di baseball, una sala pesi e un tendone con doppio tunnel di battuta, pedane per il lanciatori e tutto l’occorrente per sopravvivere alla stagione invernale al chiuso.

Non mancano, ovviamente, i problemi legati al taglio di 500 mila euro da parte del Coni. La Federazione ha tagliato il più possibile, evitando di intaccare l’attività dell’accademia. Ed è sempre oggetto di preoccupazione per il presidente tanto che, ovunque sia, non esita a telefonare a Tirrenia per accertarsi che l’attività proceda tranquillamente.

Non ci resta che ringraziare per la disponibilità Marinella Mojoli, Isabella Tamburini e Daniele Santolupo che, insieme a tutto lo staff dell'accademia, si sono dimostrati davvero disponibili a mostrarci nel dettaglio tutte le attività e ad accoglierci nella grande famiglia del baseball a Tirrenia.

da Tirrenia (Pisa), la nostra inviata Mara Mennella

Nella foto, Ludovico Coveri, Mattia Mennella, Mara Mennella, Marinella Mojoli e Daniele Santolupo nell’ufficio dei tecnici qui a Tirrenia (Mara Mennella per Grandeslam.net).

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Informazioni aggiuntive