Share to Facebook Share to Linkedin Share to Google 

GLI OAKLAND ATHLETICS E IL PROBLEMA DEL CAMPO DA GIOCO: GLI AGGIORNAMENTI

Non sembra per nulla scongiurato lo spettro dello spostamento a San Josè per gli Athletics e forse non lo sarà mai finchè non si risolverà la questione per il nuovo Ballpark da costruire ad Oakland.

Infatti Chuck Reed, sindaco di San Josè, non appena saputo dei problemi che l’Owner degli A’s Lew Wolff sta avendo con l’amministrazione di Oakland, si è subito fatto avanti per fornire una soluzione alla proprietà degli Athletics.

La base della spaccatura fra l’amministrazione comunale californiana e Wolff sta nel fatto che quest’ultimo non è intenzionato a pagare il contratto d’affitto ereditato da Steve Scott e Ken Hofmann. Anche perché lo spostamento dei Raiders, squadra della NFL, ad Oakland ha portato non pochi problemi al Coliseum che infatti è rimasto l’unico stadio condiviso da due squadre di MLB e NFL.

Il tutto risale al 1996, quando gli Athletics furono costretti a giocare a Las Vegas a causa dei lavori al Coliseum, che però avevano assicurato alla proprietà un contratto di locazione completamente gratuito.
In più gli adeguamenti strutturali apportati al Coliseum per permettergli di ospitare anche partite di football hanno portato molti problemi agli Athletics, che si sono visti aumentare a dismisura i posti riservati al pubblico e facendo si che quest’ultimo sia stato costretto a disperdersi per le immense gradinate.
   
Tutto questo ha scatenato una vera e propria guerra sulla questione nuovo Ballpark con, da una parte, i numerosi imprenditori pronti ad investire sulla costruzione di un nuovo stadio completamente dedicato al baseball nella zona del Jack London Square; mentre dall’altra parte c’è Wolff che vuole trovare un pretesto per poter rompere il contratto con la città di Oakland, unico ostacolo fra lui e il suo sogno di trasferire la squadra a San Josè.

Ad ogni modo ci sarebbe una questione fondamentale che tutelerebbe la città di Oakland da questo clamoroso spostamento.
Essa riguarderebbe un vecchio accordo fatto al tempo dall’allora proprietario degli A’s Walter Hass ed il collega dei Giants Bob Laurie. I due amici infatti si accordarono su dei diritti territoriali che lasciavano al proprietario dei Giants piena libertà di azione nella Silicon Valley, dov’è ubicata la stessa San Josè.

Ecco quindi da dove nascerebbero le difficoltà per Wolff e Reed di poter spostare gli Athletics, vincolati da un patto con i rivali storici di San Francisco che attualmente rimane l’ultimo baluardo per i veri tifosi degli A’s che vogliono scongiurare la partenza della loro squadra da Oakland.

di Michele Acacia


Nella foto, la gioia del popolo di Oakland dopo la vittoria dell'American League West Division nel 2012 (Ezra Shaw/Getty Images North America da Zimbio.com).

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Informazioni aggiuntive