Share to Facebook Share to Linkedin Share to Google 

PER IL TERZO ANNO DI FILA LA CHAMPIONS CUP RESTA IN OLANDA

Si è fermato in finale il cammino della CNF UnipolSai Bologna in Coppa Campioni. La squadra felsinea è stata sconfitta infatti per 7-3 dal Neptunus Rotterdam nell’atto conclusivo della manifestazione, al termina di una partita particolarmente combattuta e decisa soltanto nel settimo inning. Gli olandesi hanno infatti segnato 4 volte, sbloccando il risultato di 2-2, e hanno ipotecato la vittoria.

È la terza Champions Cup di fila conquistata da una formazione dei Paesi Bassi, dopo quelle del 2015, vinta sempre dal Rotterdam sul Bologna, e dello scorso anno, ottenuta dall’Amsterdam contro il Rimini.

Al terzo posto del torneo è arrivato il San Marino del manager Nanni che, dopo essere stato sconfitto in semifinale dal Neptunus per 7-1, si è riscattato nella finale di consolazione contro l’Amsterdam vincendo 7-3. Urbanus e compagni erano stati invece battuti da Bologna per 9-8 nell’altra semifinale, caratterizzata da ben 5 fuoricampo (grande slam Garcia e homer di Russo, Ambrosino e Marval per la Fortitudo; Clarijs per l’Amsterdam).

Il Rimini, eliminato nella fase a gironi, ha chiuso al quinto posto assieme ai francesi del Rouen, mentre il Mainz ha battuto il Ratisbona nel derby tedesco e ha evitando così l’ultimo piazza. In virtù di questi risultati, la Germania perderà uno dei 2 posti nella prossima Champions Cup, avendo chiuso all’ultimo posto il torneo del 2016.

di Daniele Mattioli


Nella foto, la gioia olandese dopo l'ultimo out (Lorenzo Bellocchio).

Informazioni aggiuntive