Share to Facebook Share to Linkedin Share to Google 

UFFICIALE: IL TERZA BASE DELLA FORTITUDO BOLOGNA E' CESAR SUAREZ

In concomitanza con il tradizionale appuntamento con la stampa per gli auguri di Natale, la Fortitudo Bologna ha reso ufficiale l'arrivo del venezualano Cesar Suarez per la prossima stagione. Il giocatore occuperà il ruolo di terza base. Qui di seguito il comunicato completo da parte del team felsineo.

Sarà Cesar Suarez l’atteso terza base della Fortitudo baseball per la stagione 2014. La squadra campione d’Italia, che parla sempre più venezuelano, completa così un infield davvero eccellente, che vedeva già il connazionale Rodriguez alternato a Sabbatani a difendere il piatto di casa base e i nazionali Sambucci, Vaglio e Infante a ricoprire rispettivamente i ruoli di prima, seconda base e interbase.

Al giocatore nato a Maracaibo il 17 agosto 1983, destro di braccio e col bastone, si chiederà anche un importante contributo offensivo, essendo Suarez un battitore di media, continuo e produttore di RBI, anche se non un vero e proprio “cleanup”; la dirigenza biancoblu ha scelto infatti di non insistere nella ricerca di un “erede di Austin”, puntando su un battitore utile alla squadra, ma con altre caratteristiche. Figlio d’arte, un Suarez ha già calcato i diamanti del “Bel Paese”, militando nei campionati ’84 e ’85 in quel di Lodi e nel 1987 a Milano. Era Julio Cesar, il papà del neo biancoblu: 119 incontri in massima serie, un eloquente .373 di media battuta e .603 di “slugging”, con 24 fuoricampo, cifre che fanno ben sperare per il “rampollo”.

Ottime le credenziali del nuovo interno bolognese, a partire dalle 10 stagioni nelle Minors e Independent Leagues americane, giocando prevalentemente nel ruolo di terza base. Preso giovanissimo dagli Yankees come free agent, rimane in Sudamerica per i primi anni, poi l’esordio nel 2003 con i Mahoning Valley Scrappers (A-), franchigia dei Cleveland Indians, mentre nel 2006 passa ai Tampa Bay Rays disputando un’intera stagione con Southwest Michigan (A), dimostrandosi la punta di diamante dell’attacco, con .294 in battuta, .334 on base e .411 slugging in 89 partite. La carriera prosegue sempre in singolo A nel 2007 (133 gare, titolare in terza base, medie .306/.351/.454) con i forti Columbus Catfish e nel 2008 con Vero Beach (A avanzato), dove disputa 123 gare battendo .256. Nel 2009 la promozione in doppio A con i Montgomery Biscuits, 67 gare disputate fino al passaggio in Independent League, con Lancaster, dove termina la stagione giocando altri 50 incontri, con ottime medie. Nel 2010 inizia la stagione con i Los Angeles Dodgers in singolo A avanzato, disputando 21 partite con gli Inland Empire 66ers, prima di approdare di nuovo in Independent League con Camden, Fort Worth e Wichita. Nel 2011 si trasferisce in Messico, trovando una stabilità nel triplo A, dove gioca per Veracruz, Yucatan, Monclova e Tabasco fino al 2014. Nel triplo A messicano Suarez disputa 288 gare, battendo con la media di .313, con .367 di on base e .468 di slugging. Per lui 78 doppi, 6 tripli, 28 fuoricampo e 166 RBI. Ottima anche la media vita complessiva di queste 10 stagioni di baseball professionistico, chiuse con .285 in battuta, .333 on base e .414 di media slugging.

Assiduo frequentatore della lega invernale venezuelana, un campionato di grande qualità, nelle ultime nove stagioni, compresa quella in corso, ha sempre giocato per i Tiburones de La Guaira, con una media battuta complessiva aggiornata a qualche giorno fa di .307 (11 stagioni), .359 on base e .459 di slugging.

Il Consiglio Direttivo della Fortitudo B.C. 1953 coglie l’occasione per ringraziare, abbracciare e dare un affettuoso arrivederci a Andrea D’Amico, atleta nato e cresciuto in Fortitudo, dove ha esordito giovanissimo in massima serie nel 2010, per poi conquistarsi dal 2012 il ruolo di titolare di terza base, che ha ottimamente ricoperto sino alla stagione scudettata appena conclusa. Andrea sta iniziando un’esperienza importante, in una squadra storica e una piazza prestigiosa del baseball italiano come Nettuno. Avrà dunque l’occasione di crescere ulteriormente lontano da Bologna, calcando ancora i diamanti della IBL e potrà tornare ancora più forte in biancoblu ci auguriamo il più presto possibile.


Nella foto, Cesar Suarez festeggia con la divisa dei Tiburones de la Guaira (codigovenezuela.com).

Informazioni aggiuntive